fbpx

Neopatentati: guida pratica al noleggio a lungo termine.

Come indica il titolo qui sopra, questa è una guida essenziale, completa e chiara dedicata a tutti i genitori che, con un figlio appena maggiorenne, stanno valutando la stipula di un contratto per un’auto a noleggio a lungo termine.
Se avrai la pazienza e la voglia di arrivare in fondo alla lettura di queste righe, sarai molto più consapevole e preparato su come funziona questo metodo di gestione e utilizzo dell’auto, in tutti i suoi aspetti.
Ti anticipo già che potrai utilizzarlo – il noleggio a lungo termine per neopatentati – sia che tu sia un privato (contratto su codice fiscale del genitore, scelta obbligata se sei un dipendente), sia che tu possegga una partita iva (professionista, società di persone ma anche società di capitali).

INIZIAMO DALLE BASI: PERCHÈ STIPULARE UN CONTRATTO DI NOLEGGIO A LUNGO TERMINE INVECE DI COMPRARE UN’AUTOMOBILE.

Compleanno fondamentale, il diciottesimo: quello in cui prendere la tanta agognata patente, il lasciapassare per l’età adulta, un certificato di indipendenza, per essere liberi di andare dove si vuole. Una tappa indimenticabile, che spesso viene marchiata a fuoco nella memoria anche per uno dei regali più belli della vita che un giovane può ricevere: la prima auto, tua!

Ma il concetto di proprietà si sta sempre più allontanando dalle nostre vite.  A oggi, in una generazione in cui si paga per usufruire di qualsiasi tipo di servizio – dagli smartphone a Netflix, alla cena da asporto, per capirci – perché un’automobile dovrebbe essere l’eccezione?

Posto che tranquilli al 100% con un figlio sulla strada non si può esserlo mai, stipulare un contratto di noleggio a lungo termine è una scelta evoluta e moderna che permette, a fronte di una piccola rata mensile, di avere un’auto nuova – o al più KM 0, quindi mai usata da nessun altro prima – in modalità “All Inclusive”- ovvero comprensiva di tutte le spese accessorie tra cui il bollo e i suoi rinnovi automatici, le manutenzioni e le assicurazioni complete.

Sarai tu genitore, ovviamente, a dover fare da intestatario del contratto, ma l’auto potrà essere guidata da tutto il tuo nucleo familiare, con parentela di primo grado – basta una patente valida – e, se scelta fra le auto che sono adatte e a norma per i neopatentati, anche tuo figlio con la patente appena presa.
NB: Quindi nessuna preoccupazione sul guidatore: la tua auto a noleggio a lungo termine potrai farla guidare a chi vuoi della tua famiglia a queste condizioni.

Il noleggio permette al genitore di avere la tranquillità di avere un mezzo nuovo di fabbrica mai usato – quindi tecnologia al top e massima sicurezza -: già questo, non è poco. Pensaci: se prendi un’auto usata, non saprai mai come è stata veramente utilizzata, da chi, quanti chilometri effettivamente ha percorso o quale sia il reale stato di “salute” del mezzo. Ti pare poco?

E poi, c’è l’aspetto finanziario: l’auto usata è vero che può costare solo poche migliaia di euro subito, ma poi non varrà più nulla alla rivendita, quando sarà; dovrai farti carico, inoltre, di tutto l’aspetto della manutenzione ordinaria, straordinaria…e si sa che più passa il tempo e più i problemi aumentano, con il rischio che i costi vadano fuori controllo.

Nel noleggio, al massimo, se ti viene chiesta, devi versare minima una quota di anticipo – di solito nell’ordine del 10%, massimo il 15% del valore dell’auto –  e tutta la manutenzione è inclusa, con una rete di officine in tutta Italia a disposizione dove non dovrai tirar fuori un singolo euro in più per tagliandi o guasti o sostituzione di pezzi di ricambio. Interessante no?

L’altro fondamentale aspetto da valutare è che, da privato, il 98% circa degli utenti non stipula la copertura Kasko, mentre come potrai leggere nella sezione delle assicurazioni qui sotto, noi te la inseriamo di default. Questo è un beneficio enorme: se hai un incidente o fai dei danni alla vettura, con l’auto in proprietà, li paghi tutti tu; se una grandinata danneggia il tettuccio dell’automobile, i danni li paghi tutti tu.
Col noleggio, al massimo, contribuisci fino a una soglia che deciderai. Mica male!

Non abbiamo neanche considerato il costo elevato della Kasko e non ho ancora citato neanche l’RCA: se intesti l’auto a tuo figlio, si parte dalla 14esima classe di merito, altro schiaffone non indifferente per il tuo portafoglio. Nel noleggio, invece, è tutto incluso e non ti devi preoccupare neanche del fatto che usi la tua assicurazione con classe di merito elevata: per legge puoi sospenderla per 5 anni, puoi quindi provare il noleggio tranquillamente e, se non ti è piaciuto, puoi riattivarla per tempo per non perdere quanto acquisito negli anni.

Avrai già capito che il vantaggio supremo del noleggio è quello di essere la formula di utilizzo dell’auto che ti dà la maggior probabilità di avere certezza dei costi. Ti pare poco?

RESTRIZIONI PER NEO-PATENTATI

Non tutte le auto sono adatte ai neopatentati: secondo i decreti degli ultimi anni, infatti, in Italia un novello guidatore deve mettersi al volante di automobili con specifiche caratteristiche.
L’articolo 117 del Codice della Strada detta le limitazioni del caso, che nello specifico sono:

  • rapporto tra peso del veicolo/potenza non superiore a 55KW per tonnellata;
  • in nessuno caso la potenza dell’auto può superare i 70KW (95 cavalli).

La normativa prevede che il vincolo dei kw/cv sopra indicato abbia la durata di 12 mesi (1 anno) dal momento del ricevimento della patente, per poi decadere automaticamente.

Le sanzioni per non aver rispettato la regola arrivano a un massimale di 608 € e la sospensione della patente fino a 6 mesi.

Anche per il buon senso, far circolare il proprio pargolo su un’auto con quelle caratteristiche per i primi anni di patente lo rende un test decisamente valido, oltre che rassicurante per il genitore, prima di considerare un veicolo di cilindrata e categoria superiore.

Questa è l’unica limitazione a decadere: restano, invece, in auge degli aspetti stringenti per 36 mesi (3 anni), a prescindere dall’auto che si sta guidando.

Ad esempio: lo sapevi che per i neo-patentati non vale la regola degli 0,5 grammi di alcool per litro di sangue (che è la soglia massima consentita dal Codice della Strada per tutti gli automobilisti)?

Per i giovani con la patente fresca di stampa, l’assunzione degli alcolici, di qualunque genere e in qualunque forma, è assolutamente vietata prima di mettersi alla guida: non c’è possibilità di interpretazione, il tasso alcolemico nel sangue deve essere 0!

Questo vale per i primi 3 anni, ulteriore motivo per cui è consigliabile non dotare di un destriero più potente e più difficilmente controllabile, un ragazzo/ragazza alle prime armi con la guida.

A supporto di questo, c’è anche un’altra limitazione: i neo-patentati hanno differenti tabelle di limiti di velocità.

Sulle principali strade statali ed extraurbane, per loro, non è possibile superare i 90km/h, mentre in autostrada si sale a 100km/h, che è comunque ben al di sotto dei 130 km/h. Le sanzioni arrivano fino a 640 € e la sospensione della patente arriva fino a 8 mesi, in caso di sgarro.

Riassumendo:

  • Limite di velocità di 100 Km/h in autostrada
  • Limite di 90 Km/h su strade extraurbane principali (le statali)
  • Autoveicoli con potenza specifica (tara) superiore a 55 kW per t. (kW/t)
  • Autoveicoli con potenza massima di 70 kW, pari a 95 cavalli
  • Limite di tasso alcolemico pari a zero

Chiarito questo passiamo agli aspetti tecnici dei preventivi di noleggio a lungo termine.

QUALE AUTO E COME SCEGLIERLA

Ti ho riassunto in questa tabella quali sono i modelli che puoi considerare a oggi, marzo 2020, per la scelta della nuova auto di tuo figlio.

La specifica versione delle auto la andremo a vedere in trattativa, ma già così hai modo di farti un’idea chiara e considerare solo i veicoli giusti per non sbagliare e incorrere nelle multe amministrative e nei provvedimenti sopra indicati:

*Benzina (B), Diesel (D), GPL (BG), Metano (BM), Ibrida (IB) ed Elettrica (E)

Ci sono 2 strade principali per scegliere l’auto:

  1. scegliere l’auto come più ti piace in quanto a colore e optionals ma in questo caso non è detto che i concessionari ce l’abbiano disponibile e, se è da ordinare, in questo periodo e nei prossimi mesi, vista la situazione Covid-19, preparati ad aspettare diverso tempo;
  2. scegliere l’auto dopo che Different Service, su tua indicazione, ha cercato qualche veicolo già a stock nei piazzali dei fornitori facendo sì che i tempi di consegna siano più rapidi e che, magari, ci sia anche un piccolo extra sconto in più.

COSA È INCLUSO NEL PACCHETTO DEI SERVIZI DEL NOLEGGIO A LUNGO TERMINE PER NEO-PATENTATI?

  • KM. Di solito sono 10.000 o 15.000 all’anno, ma è possibile diminuirli o aumentarli a seconda della specifica esigenza.
  • MESI DI CONTRATTO. Come detto, per motivi di tranquillità (e anche di rata più leggera) il taglio minimo consigliabile sono 36 mesi (3 anni) ma si può arrivare anche a 60 (5 anni) o ridurre a 24 (2 anni): la rata diventa più sostanziosa al diminuire delle mensilità da onorare.
  • MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA. È tutto incluso: qualunque intervento si debba effettuare sull’auto, se effettuato presso la rete convenzionata della compagnia di noleggio scelta, è compreso e non si deve pagare nulla al meccanico.
  • ASSISTENZA STRADALE. È inclusa, a patto che si chiami il servizio di assistenza stradale convenzionato (troverai tutte le informazioni all’interno dell’auto, nell’applicazione sul telefono e tramite il tuo personal advisor Different Service).
  • BOLLO, ARTICOLO 94 E SPESE DI IMMATRICOLAZIONE. Bollo sempre incluso e rinnovo automatico: non avrai più l’onere di ricordarti la scadenza, così come la comunicazione dell’articolo 94 alla motorizzazione (è l’obbligo di comunicare chi è alla guida di un veicolo per più di 28 giorni consecutivi) e le spese dovute per la targa e la messa in strada del veicolo.
  • LOCALIZZATORE SATELLITARE. Tutti i noleggiatori lo prevedono standard: serve in caso di furto per ritrovare l’auto più efficacemente.
  • ASSICURAZIONI. Qui in Different Service le prevediamo con i massimali più alti di legge e con uno spettro di copertura ampio e completo.

Andiamo a vedere nello specifico le 2 coperture principali (RCA e Kasko) e le altre comprese:

RCA: sempre compresa, fondamentale e obbligatoria per legge. Non nascondiamoci dietro un dito: serve a coprire eventuali i piccoli ma soprattutto gli eventuali grossi danni, o i potenziali grandi disastri commessi alla guida, anche quelli a cui non si vuole mai pensare e che invece devi considerare. Grazie ai massimali di copertura della RCA inclusa, tutti verranno risarciti. Potrai scegliere l’entità della franchigia (quota a carico una tantum, da dover versare in caso di accadimento, per ogni singolo evento, nei termini specifici dei noleggi/assicurazioni) in fase di trattativa.

KASKO: Different Service considera obbligatoria anche la Kasko, la polizza che copre i danni agli esterni del proprio veicolo, che sia colpa di chi guida – incapacità di fare manovre, segni da circolazione che non puoi evitare come i sassolini sul cofano, ammaccature per sbadataggine – o per agenti esterni – danni accidentali causati da terzi, eventi atmosferici, etc. Gli unici casi non compresi sono quelli dovuti a eventi dannosi provocati da negligenza/colpa grave, o comportamente doloso del neo-patentato. Oltre a questi casi limite, anche i danni da usura anomala degli interni sono a tuo carico (sedili bruciato da un mozzicone di sigaretta, etc..). In questi ultimi casi, il costo della riparazione è tutto a carico del titolare del contratto.
Anche qui, come per l’RCA, potrai scegliere l’entità della franchigia in fase di trattativa: il mio consiglio è di farti intervistare da uno dei nostri personal advisor e valutare la scelta più adatta alla specifica situazione. Perché?
Semplice: di eventi che danneggiano l’auto ce ne possono essere molti (i noleggiatori ti addebitano anche quelli lievi che non rientrano nel loro manuale di stato d’uso) e la scelta va fatta in maniera ponderata e consapevole. Sappi che maggiore è la quota di franchigia a tuo carico, minore è la rata mensile, ma altresì aumenta il tuo rischio di metter mano al portafogli se succede qualcosa.

    • FURTO E INCENDIO. La polizza copre i casi in cui l’auto prenda fuoco (raro) anche parzialmente e nel caso di furto (molto più frequente, specialmente in alcune zone e per alcune tipologie di auto). Come per le 2 polizze sopra, c’è la scelta di accettare o meno una quota di franchigia. Ti sconsiglio vivamente quelle percentuali, mentre sono valutabili quelle a importo fisso.
    • POLIZZA CONDUCENTE. Tuo figlio (o la persona che potrebbe essere alla guida) sono coperti da una polizza e relativo massimale da scegliere nei casi a cui non vogliamo neanche pensare ma che cito per didattica – morte, invalidità permanente- ed hanno una quota dedicata per il rimborso spese mediche, qualora ne avessero bisogno, a seguito di un incidente.
    • RINUNCIA ALLA RIVALSA. Questa è una polizza importantissima, ai più sconosciuta o non chiara. Te la spiego in breve.
      Tuo figlio ha delle regole ben precise e stringenti in quanto neopatentato, se fa dei danni, piccoli, grandi o enormi, le polizze ti proteggono e coprono, ma ad una condizione: che sia abilitato alla guida e che sia nelle giuste condizioni per farlo. Quindi attenzione, l’abbiamo detto prima: se la patente è fresca, non deve avere la minima traccia di alcool nel sangue (ma anche di sostanze illegali, che sia chiaro). Se dovesse accadere un incidente in cui è coinvolto (anche se lui è dalla parte della ragione) e venisse riscontrata presenza di alcool o stupefacenti, l’assicurazione della controparte farebbe forza su questo per non risarcire.
      Pensiamo al caso più grave, dove ci siano danni fisici e dove sia colpa di tuo figlio: posto che l’aspetto penale della vicenda gli rimarrebbe a carico, con la rinuncia a rivalersi, da parte dell’assicurazione, nei confronti di chi ha fatto il danno/stipulato il contratto, la controparte verrebbe risarcita con i milioni di € previsti dalla RCA.
      Grande attenzione ad un aspetto chiave: non tutti i noleggiatori forniscono questa garanzia, piccola ma essenziale, quindi parlane col tuo personal advisor e valuta se spendere qualche euro in meno tutti i mesi a fronte di una spada di Damocle così pericolosa.

SERVIZI ACCESSORI A DISCREZIONE DEL CLIENTE

Questi servizi non sono inclusi nei preventivi di base ma sono da valutare, altrimenti ti restano a carico durante la vita del contratto.

  • GOMME. Puoi decidere se inserire uno o più cambi e scegliere anche la qualità del pneumatico (premium brand o marchio di seconda fascia). Come per la manutenzione, se inserisci il servizio, dovrai rivolgerti alla rete convenzionata del noleggiatore specifico, e una volta effettuata l’operazione non dovrai mai dare neanche 1 € al gommista.
  • AUTO SOSTITUTIVA. È un servizio che spesso non viene inserito, ma ti faccio sempre pensare al caso peggiore. Se tuo figlio ha un incidente, ma anche solo se ha un guasto alla macchina, potrebbe rimanere a piedi per un periodo più o meno lungo. Se non consideri questo servizio, dovrai arrangiarti tu con soluzioni alternative se l’auto non è circolante. Il mio consiglio è di inserire assolutamente il servizio nel contratto: hai diritto ad un’auto entro il giorno dopo del fermo e fino al momento in cui ti ridanno la tua vettura. Senza costi aggiuntivi, oltre alla rata pattuita. Così la mobilità di tuo figlio e dei tuoi cari è sempre assicurata, almeno col minimo disagio possibile e in ogni parte d’Italia (anche in vacanza).
  • CARTE CARBURANTE. Sono delle carte di credito utili a far sì che tuo figlio non venga a chiederti 20 € ogni volta che deve fare un giretto con la sua auto. Sicuramente non un servizio fondamentale, ma comodo.

ASPETTI FISCALI DEL NOLEGGIO A LUNGO TERMINE

Come detto inizialmente, se stipuli il contratto da privato, oggi in Italia non scarichi nulla. Ma questo accade anche in acquisto in proprietà, finanziamento o leasing.

Se lo stipulassi da partita iva, invece, continua a leggere (per la tabella completa clicca su questo link: https://www.differentservice.it/noleggio-per-aziende/fiscalita/).

La domanda più comune e frequente che ricevo è “Sì, ma, in sostanza, cosa scarico?”

In massima sintesi: il canone totale da pagare, in fattura, è diviso in 2, la parte dei servizi e la parte del puro noleggio. La parte “noleggio” ha un tetto di deducibilità annuo (3.615,20 € annui) che la parte servizi non ha. Di entrambi le porzioni di canone si “scarica” il 20%. L’IVA invece si “scarica” al 40%, ad oggi è il 22% ma potrebbe aumentare a seguito di decisioni del governo: nel caso, varrà la quota al momento della legge.

Ci sono 2 casi limite da considerare.

Se hai una partita iva e laddove assumessi regolarmente tuo figlio con busta paga, allora potresti assegnargli l’auto in “fringe benefit” (una forma di compenso sotto forma di bene, che viene incluso nella busta e tassato secondo delle tabelle specifiche dell’ACI): nel caso allora, la quota di deduzione passa dal 20% al 70%.

Se invece sei un’agente di commercio e qualora il tuo commercialista te lo permetta, l’auto per tuo figlio godrebbe di una deduzione dell’80% del canone e del 100% dell’Iva.

Spero di essere stato utile, e che ora tu abbia qualche elemento in più per fare le tue valutazioni.

Se hai ulteriori dubbi, domande o richieste specifiche, non esitare a contattare un nostro Personal Advisor: sarà lieto di mettersi al tuo servizio e trovare assieme la soluzione più adatta per te.

 

Lascia un commento